Articolo

Business e diritti umani: presentato a Londra il primo "Piano Nazionale" voluto dall'ONU

Il governo britannico è stato il primo a pubblicare, ieri, il proprio Piano d’Azione nazionale sul tema “Business e Diritti Umani”.

This was published under the 2010 to 2015 Conservative and Liberal Democrat coalition government

William Hague

La presentazione del documento, avvenuta questa sera a Londra, segue quanto stabilito nel 2011 in sede ONU in occasione dell’adozione da parte del Consiglio per i Diritti Umani dei Principi Guida in materia di impresa e diritti umani (Guiding Principles on Business and Human Rights).

Il Piano, intitolato ‘Good Business: Implementing the UN Guiding Principles on Business and Human Rights’ sancisce l’impegno del governo di Londra per il rispetto dei diritti umani e definisce gli standard in materia per le imprese britanniche. All’origine del piano britannico vi sono i Principi Guida delle Nazioni Unite su Impresa e Diritti Umani, un punto di riferimento riconosciuto a livello globale per la definizione del ruolo di Stati e imprese nella protezione dei diritti umani in ambito di business.

Il Piano d’Azione definisce le modalità con cui il governo:

  • attuerà quanto è tenuto a fare per proteggere dalle violazioni dei diritti umani in ambito di business;

  • aiuterà le imprese britanniche a rispettare i propri impegni in materia di diritti umani nelle loro attività in patria e all’estero;

  • darà un sostegno all’accesso da parte delle vittime ad un sistema di rimedi efficace per i casi di abusi da parte di aziende sotto la giurisdizione britannica;

  • promuoverà la consapevolezza dei modi in cui un’impresa possa migliorare le sue possibilità di successo affrontando i rischi e le implicazioni legati ai diritti umani;

  • promuoverà l’adesione internazionale ai Principi Guida delle Nazioni Unite su Impresa e Diritti Umani, inclusa la piena assunzione da parte degli Stati delle proprie responsabilità in materia di rispetto dei diritti umani e di intervento per porre fine alle violazioni;

  • farà in modo che le politiche di tutto il governo siano coerenti con i Principi Guida delle Nazioni Unite.

Il Piano delinea inoltre quanto il Governo chiede alle imprese, ovvero:

  • rispettare tutte le leggi e i diritti umani riconosciuti a livello internazionale, indipendentemente dal Paese in cui operano;

  • fare in modo di onorare i principi dei diritti umani riconosciuti a livello internazionale, anche quando questi siano in conflitto con altre esigenze;

  • considerare un problema di rispetto della legge il rischio di causare o contribuire a significative violazioni dei diritti umani, indipendentemente dal Paese in cui l’azienda opera;

  • adottare appropriate politiche di controllo per identificare, prevenire e ridurre i rischi di violazione dei diritti umani, e impegnarsi a monitorare e valutare la loro implementazione;

  • comunicare l’importanza di operare nel rispetto dei Principi Guida dell’ONU alle proprie sedi operative e alla propria filiera nel Regno Unito e all’estero;

  • adottare o aderire a meccanismi efficaci di reclamo che siano trasparenti, equi e prevedibili;

  • essere trasparenti riguardo alle politiche, alle attività e alle possibili conseguenze, e informare sulle questioni e sui rischi legati ai diritti umani nell’ambito della reportistica annuale.

Il Ministro degli Esteri William Hague ha dichiarato:

Fare business nel rispetto dei diritti umani è importante, per il bene delle persone, per la prosperità e per il Regno Unito.

Crediamo fermamente che la promozione delle attività economiche e il rispetto dei diritti umani debbano andare di pari passo.

È questo il motivo per cui il Regno Unito sta dimostrando la propria leadership nell’aiutare le imprese a comprendere questa necessità e nel convincere altri paesi a fare lo stesso.

Ci appelliamo ora alle imprese affinché queste collaborino con noi all’attuazione di quanto previsto nel Piano, e mi auguro che altri Paesi seguano il nostro esempio.

Il Ministro dello Sviluppo Economico Vince Cable ha dichiarato:

Per rafforzare l’economia è necessario che investitori, lavoratori e pubblico abbiano fiducia nel modo in cui le aziende operano nel proprio paese e all’estero.

Sappiamo che le aziende britanniche sono già consapevoli dell’importanza di proteggere i diritti umani, ma che, per acquisire questo elemento nel loro modus operandi, hanno bisogno che il governo dichiari in modo chiaro quanto ci si aspetta da loro e che sostenga i loro sforzi in tal senso.

Il Piano d’azione presentato oggi fornirà alle aziende britanniche gli strumenti per operare in maniera responsabile nel Regno Unito, all’estero e nell’ambito delle loro filiere.

Published 5 settembre 2013